Qualifiche professionali estere: informazioni (FAQ)

Domande frequenti (FAQ)

 

  1. Cosa si intende per qualifica professionale?
  2. Chi ha diritto al riconoscimento?
  3. Perché richiederlo?
  4. Come richiedere il riconoscimento?
  5. Quali documenti presentare?
  6. Tempi per ottenere il decreto di riconoscimento
  7. Documentazione incompleta
  8. Informazioni sullo stato della domanda
  9. Come si esercita l'attività per la quale si è ottenuto il riconoscimento?

 

 

Risposte

 

1. Cosa si intende per qualifica professionale?


È la qualifica certificata da un titolo di formazione ottenuto a conclusione di un percorso di studi, da un attestato di competenza o da un’esperienza professionale acquisita mediante un periodo continuativo di esercizio dell’attività in questione.

2. Chi ha diritto al riconoscimento?


Tutti i cittadini italiani, appartenenti all’U.E. o extra comunitari, che intendano esercitare sul territorio italiano la professione per la quale hanno conseguito un titolo professionale estero o vantano un’esperienza nella professione maturata all’estero da un congruo numero di anni.

3. Perché richiederlo?


Il riconoscimento delle qualifiche professionali permette di esercitare in Italia la professione per la quale i soggetti hanno conseguito la qualifica nel Paese di provenienza, alle condizioni previste all’ordinamento italiano.

4. Come richiedere il riconoscimento?

 

Per ottenere il riconoscimento della qualifica professionale, il richiedente deve presentare la domanda, specificando il settore di interesse, al seguente indirizzo:

 

  • per attività di “Consulente in proprietà industriale”:

          Direzione Generale lotta alla contraffazione UIBM

          Divisione IX Trascrizioni, annotazioni e registrazione dei diritti e delle tasse sui titoli della proprietà industriale

          PEC:  dglcuibm.div09@pec.mise.gov.it  

 

         E-mail: dglcuibm.segreteria@mise.gov.it

 

  • per tutte le altre attività:

          Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica

          Divisione IX “Politiche europee ed internazionali, cooperazione amministrativa europea e riconoscimento titoli professionali”

          PEC: dgmccvnt.div09@pec.mise.gov.it 

          E-Mail: titoliesteri@mise.gov.it

 

Le informazioni di primo livello potranno essere richieste a:

  • Urp- Ufficio relazioni con il pubblico

           Via Veneto 33 - 00187 - ROMA

           Gli Uffici sono aperti al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 12:00

           tel: (+39) 06 4705 2638

           tel: (+39) 06 4705 2425

           tel: (+39) 06 4705 2192

          e-mail: urp@mise.gov.it

che provvederà a reindirizzare al competente ufficio

 

5. Quali documenti presentare?


Si rinvia alle indicazioni contenute nel MODULO di DOMANDA e nel relativo foglio di istruzioni.
Per i titoli professionali conseguiti in Paesi extracomunitari è necessario produrre anche la cosiddetta DICHIARAZIONE di VALORE IN LOCO.

6. Tempi per ottenere il decreto di riconoscimento


Le norme prevedono che il procedimento si concluda entro 4 MESI dall’acquisizione della documentazione completa, mediante l’emanazione di un apposito decreto di riconoscimento del titolo professionale conseguito all’estero previo parere favorevole espresso dall’apposita Conferenza di Servizi, convocata periodicamente per l’esame delle istanze sulle quali si è conclusa l’istruttoria da parte dell’Ufficio competente.

7. Documentazione incompleta


Qualora la domanda di riconoscimento pervenga priva, anche parzialmente, della necessaria documentazione indicata nella modulistica, l’Amministrazione provvede a richiedere all’interessato la necessaria integrazione, con esplicita nota scritta, entro 30 GIORNI dal ricevimento dell’istanza.

L’Amministrazione non sarà responsabile delle comunicazioni non pervenute all’interessato a causa di errata indicazione dell’indirizzo o di avvenuto trasferimento del medesimo in altra sede.

È pertanto responsabilità dell’interessato comunicare immediatamente all’ufficio competente  qualsiasi variazione di indirizzo.:

 

 

8. Informazioni sullo stato della domanda

Informazioni sull’iter della domanda di riconoscimento già presentata, in considerazione dei tempi di definizione del procedimento (4 mesi), possono essere richieste e saranno fornite al diretto interessato, o a persona da questi autorizzata, con le seguenti modalità:

per attività di “Consulente in proprietà industriale”:

           PEC:  dglcuibm.div09@pec.mise.gov.it  

           E-mail: dglcuibm.segreteria@mise.gov.it

 

per tutte le altre attività:

          PEC: dgmccvnt.div09@pec.mise.gov.it 

          E-Mail: titoliesteri@mise.gov.it

 

  • I funzionari responsabili del procedimento potranno essere contattati scrivendo  agli indirizzi PEC o E-Mail sopra indicati, o telefonando ai rispettivi numeri, che sono indicati a piè pagina nelle comunicazioni ricevute.  Le informazioni potranno essere richieste anche di persona attraverso i colloqui con i funzionari responsabili del procedimento, previo appuntamento richiesto telefonicamente.     
  • Tramite Urp - Ufficio relazioni con il pubblico - Via Veneto 33 - 00187 - ROMA

           Gli Uffici, compreso l’Ufficio competente di via Sallustiana 53, sono aperti al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 12:00

           tel: (+39) 06 4705 2638

           tel: (+39) 06 4705 2425

           tel: (+39) 06 4705 2192

       e-mail: urp@mise.gov.it

che provvederà a reindirizzare ai funzionari incaricati.

 

9. Come si esercita l'attività per la quale si è ottenuto il riconoscimento?


Occorre trasmettere il decreto di riconoscimento della qualifica professionale alla Camera di Commercio competente per territorio per l’iscrizione nel registro delle imprese (se l’attività è svolta in forma di impresa) oppure nel repertorio delle notizie economiche e amministrative (REA).

 

____________________________________________________________________________________________________________________________

Ufficio Competente

Direzione generale per la lotta alla contraffazione – Ufficio italiano brevetti e marchi

 




Questa pagina ti è stata utile?

NO