Guida importazione di prodotti tessili: introduzione

Il 31 dicembre 2004 si è concluso il processo di liberalizzazione del commercio mondiale relativo al settore tessile/abbigliamento per i Paesi aderenti all’Organizzazione Mondiale del Commercio (O.M.C.).

L’accordo multilaterale sul commercio dei prodotti tessili e dell’abbigliamento, denominato ATA, stipulato tra i Paesi membri dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), stabiliva l’integrazione completa  del settore tessile nella normativa generale dell’OMC con un progressivo smantellamento delle restrizioni all’importazione (stabilito in tre fasi: 1998 – 2002 e 2005).

Ciò è avvenuto puntualmente e, a decorrere dal 1° gennaio 2005, si è arrivati alla completa liberalizzazione per i Paesi aderenti all’OMC. Solo per la Cina, in vista dell’ultima scadenza, era stato deciso di istituire un sistema di sorveglianza preventiva sull’importazione di alcuni prodotti tessili per un periodo non superiore a 12 mesi, allo scopo di monitorare i flussi di importazione,  in caso di eventuale applicazione della clausola speciale di salvaguardia per i prodotti tessili prevista dal protocollo di adesione della Cina all’OMC (recepita dal Regolamento 3030/93, art. 10a).

L’afflusso massiccio di prodotti tessili cinesi nell’Unione Europea ha portato a istituire nuovamente dei limiti quantitativi per talune categorie di prodotti e con il Memorandum d’intesa, firmato dalla Cina e dall’UE il 10 giugno 2005, venivano stabilite delle quote di autolimitazione per dieci categorie di prodotti tessili a decorrere dall’11.6.2005 fino a 31.12.2007.

Dal 1° gennaio 2008, sulla base di ulteriori trattative tra l’Unione Europea e la Repubblica Popolare di Cina, è entrato in vigore, per otto categorie merceologiche, il sistema di sorveglianza a duplice controllo fino al 31 dicembre 2008. La scadenza di tale sistema ha definitivamente liberalizzato l’importazione nell’U.E. di prodotti del tessile/abbigliamento originari della Cina.

=====================

Per i Paesi non aderenti all’O.M.C. il regime di importazione dei prodotti tessili  era disciplinato dal Regolamento (CEE) n. 3030/93 e dal Regolamento (CE) n. 517/94. Tali  Regolamenti sono stati abrogati. Attualmente è in vigore il Regolamento 2015/936. Tale Regolamento, che concerne il regime comune applicabile alle importazioni di prodotti tessili da taluni paesi terzi, non contemplato da accordi bilaterali, da protocolli o da altre disposizioni né da altro regime dell'Unione specifico in materia di importazioni, è stato modificato con Regolamento (UE)  2017/354 del 15/02/2017.



Questa pagina ti è stata utile?

NO