Organizzazione Internazionale Cereali

Cereali Organizzazione Internazionale Cereali (International Grains Council – IGC)

Il primo Accordo Internazionale sui Cereali risale al 1986. L’Accordo attualmente in vigore è stato concluso nel 1995.

Organo decisionale dell’IGC è il Consiglio Internazionale dei Cereali che ha sede a Londra. Si compone di due Convenzioni, una sul Commercio dei Cereali e l’altra sugli Aiuti Alimentari.

La Convenzione sul Commercio dei Cereali ha come scopo quello di incoraggiare la cooperazione commerciale tra i Paesi esportatori e quelli importatori di grano e di cereali secondari; di promuovere lo sviluppo e la liberalizzazione del commercio di cereali; di concorrere alla stabilità dei mercati cerealicoli; di fornire un foro internazionale per lo scambio di informazioni e per le consultazioni sul commercio del settore.

La Convenzione sull’Aiuto Alimentare si prefigge di contribuire alla sicurezza alimentare mondiale, sviluppando le capacità della Comunità Internazionale di rispondere in modo sempre più efficace, alle situazioni di emergenza alimentare e agli altri bisogni alimentari dei PVS.

Gli organi dell’IGC sono il Consiglio Internazionale dei Cereali, il Comitato Esecutivo, il Comitato sulla Situazione di Mercato e il Comitato per l’Aiuto Alimentare.

Tra i principali Paesi produttori vi sono: Argentina, USA e Canada, mentre, tra i maggiori paesi importatori troviamo i Paesi Membri dell’UE, Giappone e molti Paesi africani.

Riepilogo 2017

Dalle analisi condotte nell’ambito del Consiglio dell’International Grain Council (IGC) sono emerse le problematiche derivanti dalle tendenze al ribasso registrate nei prezzi dei cereali (grano, soia, mais, riso, sorgo, orzo) che, se da un lato dovrebbero servire a incoraggiare il consumo, dall’altro scoraggiano la produzione con il rischio di ridurre le basi per la ripresa dei mercati internazionali nei prossimi anni.

Produzione e prezzi sono sempre più dipendenti dalla crescente instabilità delle condizioni climatiche mondiali. Tra i membri IGC è in corso il dibattito sull’opportunità di continuare la collaborazione tra l’IGC e le altre Organizzazioni internazionali a vocazione agricola, in particolare con la FAO implementando l’attività dell’AMIS nel settore del commercio di grano, granturco, riso e semi di soia.

Stati Uniti, Canada e Australia vorrebbero che l’IGC cessasse la collaborazione in AMIS per avvalersi, invece, della piattaforma dell’USDA.

L’orientamento della UE - che ritiene, tra l’altro, non pienamente affidabile il servizio offerto dall’USDA - è quello di mantenere il rapporto con l’AMIS per disporre delle proiezioni di mercato dei cereali elaborate dallo stesso.

Nell’Organizzazione si auspica la partecipazione di nuovi paesi e, pur non essendosi verificatosi alcun nuovo ingresso durante l’anno, sono in corso contatti con possibili nuovi partner.

L’attuale Convenzione sul commercio internazionale dei cereali è stata prorogata per un ulteriore periodo di due anni, dal 1 luglio 2017 fino al 30 giugno 2019. Il Consiglio ha nominato il dott. Arnaud Petit (candidato francese in quota UE, attualmente direttore delle materie prime e del commercio al Copa-Cogeca) come prossimo direttore esecutivo del Consiglio internazionale dei cereali, con effetto dal 1 ° febbraio 2018.

Prossimi eventi 2018:

27^ Conferenza internazionale sui cereali (Londra 18-19 giugno 2018)



Questa pagina ti è stata utile?

NO