Contratti d'area

I Contratti d'area sono interventi ai sensi dell’art. 2, commi 203 e seguenti, della legge 23 dicembre 1996 n. 662. Per “contratto d’area” si intende lo strumento operativo, concordato tra amministrazioni, anche locali, rappresentanze dei lavoratori e dei datori di lavoro, nonché eventuali altri soggetti interessati, per la realizzazione delle azioni finalizzate ad accelerare lo sviluppo e la creazione di una nuova occupazione in territori circoscritti.
La misura è volta al sostegno di iniziative produttive dell’industria, del turismo, dell’agroindustria e dei servizi nell’ambito del contratto d’area quale strumento operativo funzionale alla realizzazione di un ambiente economico favorevole all’attivazione di nuove iniziative imprenditoriali e alla creazione di nuova occupazione nei territori interessati da gravi crisi occupazionali.

Più precisamente i contratti d'area si applicano presso:

  • le aree industriali di cui all'obiettivo 1 dei Fondi strutturali comunitari
  • le aree industriali di cui all'art. 32 della legge 219/81
  • le aree di crisi situate nei territori di cui agli obiettivi 1, 2, 5b (D.P.C.M. del 15 aprile 1998), nelle zone del Centro Nord che presentano squilibri tra domanda e offerta di lavoro (Decreto del Ministero del lavoro del 14 marzo 1995 e ss. mm).

Obiettivi

La misura è volta al sostegno di iniziative produttive dell’industria, del turismo, dell’agroindustria e dei servizi e si inserisce nell’ambito del contratto d’area quale strumento operativo, di alto valore dinamico, per favorire lo scenario economico e l’attivazione di nuove iniziative imprenditoriali, così come per la creazione di nuova occupazione nei territori interessati da gravi crisi occupazionali.

Il contratto d'area è l'accordo tra più soggetti pubblici (anche locali), rappresentanze di lavoratori e datori di lavoro, nonché eventuali altri soggetti interessati. Tale accordo ha per scopo la realizzazione di un ambiente economico favorevole all'attivazione di nuove iniziative imprenditoriali e alla creazione di nuova occupazione nei settori dell'industria, agroindustria, servizi e turismo, attraverso condizioni di massima flessibilità amministrativa ed in presenza di investimenti qualificati, nonché di relazioni sindacali e di condizioni di accesso al credito favorevoli.

Approfondimenti

Per maggiori approfondimenti riguardo la normativa di riferimento e lo stato d’attuazione dei contratti d'area è possibile consultare il documento di sintesi in allegato, aggiornato al 22 giugno 2009, redatto da Promuovi Italia S.p.A. in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo economico – Direzione Generale per l’incentivazione delle attività imprenditorili.




Questa pagina ti è stata utile?

NO