Comuni per la sostenibilità e l’efficienza energetica: oltre 600 domande in meno di due settimane

Mercoledì, 29 Luglio 2015

Molto positiva la risposta dei territori nei confronti dell’Avviso CSE 2015.

Dal 14 luglio - data di apertura dello sportello- al 27 luglio 2015, sono state 403 le amministrazioni comunali delle Regioni Convergenza che hanno presentato complessivamente 624 istanze attraverso la piattaforma informatica http://cse2015.mise.gov.it, per un totale di risorse impegnate che supera i 70 milioni di euro, quasi l’88% della dotazione complessiva dell’Avviso CSE 2015. In altri termini, in meno di due settimane, considerate le circa 1600 amministrazioni comunali localizzate nelle 4 Regioni Convergenza, 1 comune su 4 è stato destinatario di risorse dell’Avviso.

Le agevolazioni sono concesse dal Ministero dello Sviluppo Economico sulla base di una procedura a sportello, nel rispetto dell’ordine cronologico di presentazione. Anche le successive fasi procedurali saranno gestite esclusivamente online: dalla richiesta di assegnazione del contributo alla rendicontazione delle spese.

In riferimento alle 624 istanze agevolate, la maggiore concentrazione si registra nella regione Calabria, dove è localizzato il 49% del totale dei progetti di efficientamento e produzione di energia da fonte rinnovabile ammessi a contributo con le risorse finanziarie dell’Avviso. Nelle altre regioni, la quota dei progetti sul totale rappresenta rispettivamente il 21% in Puglia, il 18% in Campania, il 12% in Sicilia.

Per tutti progetti agevolati le gare sono in fase di aggiudicazione.

In termini di caratteristiche dei progetti agevolati, si registra un equilibrio sostanziale tra produzione di energia (52%) ed efficientamento energetico (48%). La tecnologia di maggiore interesse risulta essere stata il fotovoltaico.

Con una dotazione finanziaria di 80 milioni di euro, l'Avviso offre alle amministrazioni comunali delle Regioni Convergenza la possibilità di ottenere il finanziamento per realizzare progetti di efficientamento e/o produzione di energia da fonti rinnovabili a servizio di edifici pubblici, attraverso l’acquisizione - tramite le procedure telematiche del Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA)- di beni e servizi legati all’efficienza energetica e alle fonti rinnovabili.




Questa pagina ti è stata utile?

NO