Verbale di riunione - Candy Hoover Group (16 luglio 2019)

Documento: Verbale di riunione
Azienda: Candy Hoover Group S.r.l.
Settore: Elettrodomestici
Numero dipendenti: 880
Data: 16 luglio 2019

Il 16 luglio 2019, presso il Ministero dello sviluppo economico, si è tenuta una riunione riguardante la società Candy Hoover Group S.r.l., appartenente alla Candy S.p.A., recentemente acquisita dal gruppo cinese Haier. Alla riunione, presieduta dal Vice Capo di Gabinetto del Mise Giorgio Sorial, hanno partecipato Chiara Cherubini della Struttura per le Crisi d’impresa del Mise, la Regione Lombardia, rappresentata da Carlo Bianchessi, il Sindaco di Brugherio, Marco Troiano, la direzione aziendale di Candy Hoover Group S.r.l., rappresentata dall’Amministratore unico di Haier Europe, nonché Presidente del CdA di Candy Hoover Group, Yannick Fierling, da Roberto Roncalli, Direttore Risorse Umane Gruppo Haier Candy Europa, Marco Sciuccati, Direttore Risorse Umane sede e unità produttive e Sergio Miglino, Responsabile Relazioni Sindacali Candy. Hanno inoltre partecipato le segreterie nazionali e territoriali di Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil e Ugl metalmeccanici, unitamente alle RSU.

Il Vice Capo di Gabinetto, Ing. Giorgio Sorial, ha aperto l’incontro ricordando che nel corso dell’ultimo incontro presso il MiSE, all’indomani della cessione, i rappresentanti dell’azienda avevano chiesto più tempo per la presentazione del piano industriale in sede istituzionale. Ha quindi dato la parola all’azienda,

Il dott. Yannick Fierling, coadiuvato dal dott. Roncalli, ha fornito una panoramica dell’andamento del fatturato nell’anno 2018 del gruppo Candy, evidenziando che il gruppo è cresciuto in termini di fatturato di circa 1.3 mld, incrementando la quota di mercato precedentemente detenuta da Candy (prima dell’acquisizione) dal 5% al 5.8%, con picchi del 10% nel comparto washing. Tuttavia, nel 2018 ci sono stati dei peggioramenti dei margini a causa di diversi fattori contingenziali, quali il percorso di uscita dal mercato cinese, l’avvio di una fabbrica di lavastoviglie in Turchia, l’aumento del costo delle materie prime, il trend delle valute, etc. Per il 2019 sono previsti miglioramenti dei volumi per le produzioni delle lavatrici, dei frigoriferi e degli aspirapolveri, che sono le tre produzioni del Gruppo in Europa. A Brugherio l’azienda ha in programma di effettuare investimenti in automatizzazione ed efficientamento del sito, nello sviluppo di prodotti innovativi, per il miglioramento delle caratteristiche tecnologiche di quelli esistenti e per il miglioramento del servizio al cliente. L’azienda ha confermato che non vi sono stabilimenti Haier in Europa e che i due marchi sono complementari nel mercato europeo.

E’ confermato il trasferimento della sede di Candy-Haier da Parigi a Brugherio, che diventerà il centro commerciale del Gruppo in Europa. A Brugherio sono previste 70 assunzioni di tecnici specializzati e ingegneri.

La nuova gestione conferma gli accordi raggiunti nel 2018 e per lo smaltimento di eventuali esuberi verrà intrapreso un percorso concordato con le parti sociali. Verrà chiesta una proroga di 12 mesi dell’ammortizzatore, in scadenza il 23 settembre 2019.

L’ing. Sorial ha chiesto di sostanziare con maggiore dettaglio le strategie aziendali per garantire l’aumento di volumi di produzione previsto per il sito di Brugherio.

Le OO.SS hanno espresso preoccupazione in quanto un incremento delle produzioni giornaliere/annuali porterebbe non essere sufficienti a coprire le attuali capacità dell’impianto. Le OO.SS. hanno pertanto chiesto all’azienda un impegno maggiore sia sugli investimenti che sui volumi. Hanno inoltre chiesto un monitoraggio periodico dell’andamento del sito per il tramite del tavolo di confronto presso il MiSE.

Il dott. Bianchessi (Regione Lombardia), ha manifestato la disponibilità della Regione a sostenere con strumenti regionali di supporto gli investimenti sul sito di Brugherio.

L’Ing. Sorial ha concluso l’incontro sottolineando che il Governo fornirà tutto il supporto necessario all’azienda per la ripresa a pieno regime delle attività produttive nel sito di Brugherio, a condizione che il processo di rilancio sia velocizzato con significativi investimenti alle innovazioni.

Il tavolo di monitoraggio presso il MiSE rimane aperto e la riunione sarà riconvocata per successivi aggiornamenti.



Questa pagina ti è stata utile?

NO